Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

nato nel 1825, studiò Scienze, Lettere e Religione nel Seminario Vescovile di Lecce. Vivendo nel clima rivoluzionario che attraversava allora l' Italia, era divenuto un fervente propugnatore dell' amore per la patria e la libertà. Ordinato sacerdote continuò dal pulpito a parlare di libertà; dopo aver pubblicamente commemorato la morte eroica dei fratelli Bandiera, fu processato e confinato nel Convento di Parabita. Tornato a Surbo, continuò indomito la sua rivoluzione, affiliandosi alla Giovane Italia. Nel 1862 intraprese un lungo viaggio che lo portò a conoscere varie regioni italiane, e alcuni paesi europei. Al suo rientro a Surbo si dedicò all' insegnamento mettendo così a disposizione dei giovani la sua notevole cultura. Stimato dai suoi concittadini fu anche eletto Sindaco dal 1876 al 1881. Morì nel 1890.

Torna a inizio pagina